Quel del cafe del genoeucc

Quand che la giornada la va in morìa
 e l'è sarada sù anca l'osteria.
 per scaldass e tegni avert ij oeucc
 gh'è 'l carrettin del cafè del genoeucc!
Ciamà de genoeucc perchè per rurall
 se sta sù on pè sol 'me sù on pedestall!
I brumista ne hin assidov client
 anca se come cafè 'l var propi nient!
(QUELLO DEL CAFFE' DEL GINOCCHIO.  Quando la giornata volge alla notte ed è chiusa anche l'osteria, per scaldarsi e tenere aperti gli occhi c'è il carrettino del caffè dei ginocchio!  Chiamato del ginocchio perché per mescolarlo si sta su un piede solo come su un piedestallo! I brumisti ne sono assidui clienti anche se come caffè non val niente!)
Il mescitore di caffè per strada è da considerarsi tra le fìgure di ambulanti che svolgevano una attività di ripiego. Certo è che il caffè di poco pregio era ottenuto con i fondi di... altro caffè, ed il servizio... stradale non era di tutto comodo!
 Ancora oggi, i milanes de Milan, quando vogliono dire di un calare che è eccessivamente lungo e annacquato, lo chiamano café del genoeucc.  Giorgio Bolza, poeta milanese degli anni Venti, così ci ricorda il sedicente "bar" che, sul piazzale della vecchia stazione Centrale e dietro al duomo, per soli cinqu ghej propinava ad una eterogenea clientela di straccioni, brumista e operai frettolosi, acqua calda tinta di nero e resa appena bevibile da uno schizzo di grappa o anesón:

 L'è ‘l cafè di strascioni, el caferin
 pientaa alla bell e mèj sù 'n carrettin;
 tutt bon mercaa, tutt prezzi d'occasión...
La grappa d'erba rùga e l'anesón
 hin bibit che ghan pussee client;
 in d'ona tolla ghè 'l cafè buient..
el “pònc”  l'è preparaa in d'ona marmitta,
 e on girasoo de carta elfa de Ditta.

Contatta il Biscione | Su questo sito                                                                               Copyright © 2017. All Rights Reserved.