La piscinina

 La va la piscinina per la strada
 e denter el scatolon la gh’ha on cappell,
 cont on sorris e on'aria scanzonada
squas 'me dì a la gent: "Ve piaseriss vedell?"
 De tant in tant la fa ona fermadina
 la boffa, la poggia in tèra el scatolon,
 la doeuggia chi e là ona quaj vedrina...
infin la porta a termen la soa commission.
(LA PICCOLINA.  Va la piccolina per la strada e dentro lo scatolone ha un cappello; con un sorriso e un'aria scanzonata quasi come a dire alla gente: "Vi piacerebbe vederlo?" Di tanto in tanto fa una fermatina, sbuffa, appoggia a terra lo scatolone, adocchia qui e là qualche vetrina... infine porta a termine la sua commissione.)
"Piscinina" è termine proprio delle sarte o delle modiste, più raramente usato dalle camiciaie, e sta ad indicare l'iniziata, l'apprendista, che in certo senso era anche la fattorina del laboratorio (lavoreri).  "Per popolarità, per simpatica allegria meneghina, - scrive Severino Pagani – la piscinina può fare il paio col brumista... maliziosa, impertinente, sapeva tener testa ai barabba, sapeva parodiare le smorfie dei clienti della sua padrona, e scimmiottare le ragazze del laboratorio delle quali era il factotum e conosceva i segretucci... Il suo frasario era quanto mai ricco e milanesissimo, sì che se qualcuno osava spregiarla chiamandola sgabelott de bagatt o sciaballina, rispondeva coi tambèrla, scarlìga, viorón de sares, o semplicemente, se aveva premura, per tagliar corto: "Và a dà via l'orghen!'

Contatta il Biscione | Su questo sito                                                                               Copyright © 2017. All Rights Reserved.