El spazzacamin

Eren semper cobbiàa, per via del mestée
el spazzacamin cont el sò garzonscell,
 con cord, rampin, brustion, scarp de corda ai pée,
 sgarrend quell reciamm monotona semper quell:
 "el spazzacamin... Lo spazzacamino..."
Tenc 'me scorbatt de vedènn nanca la pèll:
 "El spazzacamin... lo spazzacamino..."
 Vun di reciamm slisàa dal temp anca quell..
(LO SPAZZACAMINO.  Erano sempre accoppiati, per via del mestiere, lo  spazzacamino con il suo garzoncello; con corde, ganci, spazzolini di ferro, scarpe di corda ai piedi, gridando quel richiamo monotono, sempre quello: "El spazzacamin... lo spazzacamino..." Tinti [dalla fuliggine] come corvi tanto che non se ne poteva vedere la pelle: "El spazzacamin... Lo spazzacamino..." Uno dei richiami logorati dal tempo anche quello.)
Se ne vede ancora qualcuno, raramente; è un mestiere soppiantato dal progresso.
 I piccoli spazzacamini reclutati sui monti bergamaschi e del lago Maggiore erano tra le figure più patetiche e commoventi di una Milano povera e crudele, rievocata tanto mirabilmente dalla penna di Emilio de Marchi: "La mattina d'inverno, tra el ciar el scúr, quand ven giò qui nevad o boffa qui scighér inscì ner, inscì frècc, se sent di volt sù per i tècc ona vós d'on tós, ona vós che scappa dalla cappa d'on camin... ohee spazzacamin!".
La fantasia popolare, abbagliata dalla romantica immagine di questi personaggi liberi, senza legami, come uccelli nell'aria, li ha invece spesso dipinti come irresistibili seduttori:
"Su e giù per le contrade
 di qua e di là si sente
 'na voce allegramente:
 riva el spazzacamin!
 S'affaccia alla finestra
 la bella signorina
 con voce graziosina
 chiama el spazzacamin”
con quel che prevedibilmente segue.

Contatta il Biscione | Su questo sito                                                                               Copyright © 2017. All Rights Reserved.