El moletta

Dandegh de moviment con la gambetta elfa gira roeuda e moeula el moletta,
 fasend elfil e tirand luster e bej seguritt, folcitt, foresett e cortèj.
 Anca lù per dà increment aij affari
 ghe da de vos, in longh, in largh, per ari.
 Quand l'è intent a lavorà el moletta
 par ch'el sia adrée a sonà la spinetta!
(L'ARROTINO.  Dando movimento con la gambetta fa girare ruota e mola l’arrotino, facendo il filo e tirando lucidi e belli accette, falcetti, forbici e coltelli.  Anche lui per dare incremento agli affari dà di voce [richiama], in lungo,  in largo, per aria.  Quando è intento a lavorare l'arrotino sembra che stia suonando la spinetta!)
E' un mestiere ambulante che resiste, modernizzando, anche se il consumismo ne ha ridotta notevolmente la richiesta, almeno nei grandi centri urbani.
Tra le canzoni popolari ispirate alla caratteristica figura del moletta,  la più nota è la seguente:
Mè pader fà el moletta
 e mi foo el molettin,
 quando sarà mort mè pader
farò el moletta mì
e zon e zon e zì.
Mè pader el ciappa i svanzigh
e mì ciappi i quattrin;
quando sarà mort mè pader
farò '1 moletta mì.
Tra i modi di dire ispirati al moletta ricordiamo:
"L'è on lavorà de moletta"(riferendosi a un lavoro assillante, faticoso poco retribuito);
"L'è on nas ch'el par la seggella del moletta' (è un naso che gocciola sempre, come il secchiello dell'arrotino);
"Vess consciaa come el strasc del moletta"(essere sporchi, unti, bisunti stracciati e bagnati come lo straccio dell'arrotino).

Contatta il Biscione | Su questo sito                                                                               Copyright © 2017. All Rights Reserved.