El carbonee

Già da la matinna quand el comencia,
 a la sira, man sporch e faccia tencia,
coj cavagn o i sacch caregàa suj spall,
 negher.. che nanca on negher el pò invidiall!
A pée, con caretta a man o col cavall,
segond de quant e dove l'ha de portall,
 el carbon el teng lafaccia del carbonée.
‘me la farina la teng de bianchi el monée.
(IL CARBONAIO.  Già dalla mattina quando comincia, alla sera, mani sporche e faccia tinta, con le ceste o i sacchi caricati sulle spalle, nero... che neanche un negro può invidiarlo!  A piedi, con carretta a mano o col cavallo, secondo quanto e dove deve portarlo; il carbone tinge la faccia del carbonaio come la farina tinge di bianco il mugnaio.)
Carbonée è colui che trasporta o produce carbone; da non confondere con il sciostrée, che era colui che vendeva legna e carbone e che prende nome dal suo magazzino, detto in milanese sciostra.
Dalla tarda primavera sino ai primi freddi il carbonée diventava giassée, venditore
 

Contatta il Biscione | Su questo sito                                                                               Copyright © 2017. All Rights Reserved.